Archivio mensile:febbraio 2008

PD e Chiesa Cattolica

Promemoria: dovesse venirti il dubbio di votare per il Partito Democratico, vai a rileggerti questa intervista al senatore Nicola Latorre.

Resa dei conti a Kashagan

Gira voce che l’ENI verrà estromessa da Exxon dal consorzio per lo sfruttamento di Kashagan. Dovrebbe accadere prima di maggio. Già a gennaio i termini dell’accordo tra le compagnie petrolifere occidentali e il governo kazakho erano stati rivisti in favore di quest’ultimo.

Contrassegnato da tag

Idee per un futuro luminoso

Credo che tutti saranno d’accordo con me nel sostenere che i metodi tradizionali per l’igiene dell’ano non siano completamente soddisfacienti. Dovrebbe dunque essere un preciso dovere di ognuno sperimentare, innovare, impegnarsi per trovare soluzioni adeguate.

In passato in molti si sono battuti per affermare l’idea che il miglior metodo per la pulizia anale sia l’abile lingua di un mammifero addestrato. Non per caso esiste un appellativo come “leccaculo”, era già chiaro agli antichi quale fosse il miglior trattamento per il comfort anale, il problema è sempre stato trovare i volontari. Attualmente gli osservatori più attenti ritengono che gli uomini e le donne dotati di un coprofago simbionte siano una trascurabile minoranza.

Nel dibattito storico su cosa sia bene per l’ano di ogni individuo, spicca la posizione dell’economista Adam Smith. Egli propose di selezionare cani inclini alla pulizia anale in modo da poter fornire ogni individuo di un servitore cui affidarsi nei momenti del bisogno. È da tale intuizione che nacque il famoso detto inglese “one dog, one ass”. Dopo un iniziale entusiasmo (celebre è una stampa di quel periodo in cui si ritrae un’affabile Giorgio III mentre uno yorkshire terrier lo delizia) fu avanzata la questione etica ben esposta nel saggio “La dignità canina è lesa dallo sfruttamento come scovolino anale?” di Thomas Clarkson. La risposta della società inglese alla cruciale domanda fu un netto “SÌ!”, questo entra di diritto tra gli orgogli della storia britannica, al pari dell’emanazione del diritto di habeas corpus, del bill of right, delle leggi a tutela del lavoro minorile e femminile del 1831, della strenua resistenza agli attacchi nazisti nella seconda guerra mondiale etc. Purtroppo però nel frattempo la consuetudine del cane anale si era diffusa in tutte le corti europee e andò avanti fino all’era napoleonica. Solo in Vaticano proseguì oltre. Fino al Concilio Vaticano Secondo ogni Papa era dotato di un canis sacratus atto alle pratiche anali. Nel 2001 Giovanni Paolo II si scusò pubblicamente in una puntata di Porta a Porta per il trattamento riservato ai cani dai suoi predecessori; il plauso degli osservatori più attenti fu convinto e generale. Non mancarono però i mugugni dell’ala più oltranzista del cattolicesimo.

Mi trovo d’accordo con Alan Greenspan quando afferma che la carta igienica multistrato come unico avanzamento nelle tecnologie dell’igiene anale degli ultimi due secoli sia molto deludente. È per questo motivo che ho deciso di dedicare anima e corpo a quella che credo sia la più grande idea dai tempi dell’invenzione dei rasoi da barba multilama. L’intento è quello di trasformare la pulizia dell’ano da noiosa operazione di routine a un’esperienza di benessere a tutto tondo. Per garantire le eccellenti performance della lingua di mammifero ed evitare al tempo stesso ogni problema di carattere etico, la soluzione che propongo è il cane cyborg per l’igiene anale: dotato di processore dual core, ozonizzatore, software esperto, superficie attiva a livello della nanoscala, idratazione integrata, lettore mp3 e aromatizzatore. Sono convinto che uno strumento del genere possa contribuire in maniera decisiva alla marcia di avvicinamento verso la singolarità tecnologica.

Ora non mi resta che mettere in atto questa meravigliosa idea ed è qui che entri in gioco tu. Per avviare la costruzione di un primo prototipo credo di aver bisogno di un finanziamento di almeno 500.000 €, se non disponi dell’intera somma puoi partecipare con una quota minima di 2.000 €. Si tratta di un investimento sicuro che garantisce guadagni enormi nel medio termine. Per ricevere le coordinate bancarie e maggiori dettagli sulle questioni finanziarie scrivi all’indirizzo info@cyberdogforeverybody.com Attendo fiducioso.

Ricordati, pulirsi il culo può essere ben più che una semplice operazione igienica, può diventare l’occasione per riscoprire il piacere di entrare in contatto con la tua anima, aumentare la tua autostima e favorire la pace nel mondo. Il cane cyborg per l’igiene anale permetterà tutto questo e può diventare una realtà anche grazie a te.

Contrassegnato da tag