Archivio mensile:marzo 2008

The Incredible Tide

 Clogs – Lantern – Tides (Piano)
  • Novembre 2006, a Otto e Mezzo, Giovanni Lindo Ferretti dichiara: “Votavamo PCI perché ci governava bene, ma la mia famiglia è sempre stata anticomunista, alle ultime elezioni ho votato centrodestra; è stato per me un ritorno alle mie radici familiari cattoliche”.
  • Dicembre 2007, intervistato dal quotidiano online Petrus, Lucio Dalla dichiara: “Trovo il messaggio di San Josemaria Escrìva di straordinaria attualità” […] “La ricerca del divino e della trascendenza fanno parte della natura umana. Nessuno può impedire all’uomo di aspirare al divino, al trascendente. Dio è in ogni luogo, nel volto degli uomini, nel sorriso di un bambino,anche in una canzone ben eseguita”.
  • Marzo 2008, nella sua biografia ufficiale, Franco Califano dichiara: “Proprio Benedetto XVI mi ha fatto scattare qualcosa dentro e allora mi sono riavvicinato a Dio. A me questo Papa ha dato emozione che è poi la spinta più importante per riavvicinarsi alla Fede. Io ho sempre cercato di credere in Dio ma visto che non mi piace il mistero, ho sempre avuto difficoltà ad accogliere la Fede, in assenza di segni. Ora è arrivato, il segno. Con questo Papa che mi fa innamorare”.
  • Marzo 2008, nella registrazione di presentazione dell’album “Il mondo che vorrei”, Vasco dichiara: “La realtà che vedo mi fa schifo, è triste e odiosa. Per questo ho rivalutato i sogni e le illusioni che aiutano a vivere meglio: credere in un amore, una donna, un rapporto, avere una fede, magari non vera o sbagliata. L’importante è crederci. Vivi meglio”.
  • Febbraio 2009, intervistato da Avvenire, Morgan dichiara: “sempre stato cattolico, tutte le mie canzoni sono un inno al Signore” […] “predico la riscoperta della castità in quanto non vi è umanità senza integrità virtuosa”.
  • Maggio 2009, intervistato da Libero, Elio dichiara: “il Pippero era un omaggio a Dio che si incarna nella Storia” […] “il cattolicesimo è meglio del subbuteo” […] “ho portato Rocco Tanica a Lourdes, ma non è migliorato, proverò con Medjugorje”.
  • Giugno 2009, intervistato da Il Democratico, Guccini dichiara: “ho grande rispetto per chi non crede” […] “bisogna dare il tempo necessario a ciascuno per trovare il Signore”.
  • Ottobre 2009, intervistato da L’Unità Cristiana, Dario Fo dichiara: “quando mia madre mi portava in chiesa, piangevo pensando al dolore del Cristo in croce” […] “il cristianesimo è stata una delle principali fonti d’ispirazione della mia opera teatrale” […] “le mandorle glassate sono ottime con il vin brulé”.
  • Aprile 2010, Marcello Maria Sovieri front man della boy band “Le unghie dei piedi della Maddalena”, intervistato da Famiglia Cristiana, dichiara: “Da bambino mi masturbavo analmente con i pennarelli Jumbo, ora mi rendo conto di avere peccato. Fu l’edonismo relativista a farmi credere di essere nel giusto, che Dio mi perdoni” […] “ora canto la disciplina alla dottrina sociale della Chiesa, e sono felice”.
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Mingere è un po’ come morire

Gimmi non si era mai posto il problema se fosse giusto orinare in bottiglie di plastica mentre attendeva l’ascensore in compagnia dei vicini di casa. Coltivava questo hobby da parecchi anni, lo appagava ed era soddisfatto dei risultati raggiunti. Nella sua ingenuità credeva di fare del bene alla gente. Si sbagliava. In genere mentre orinava sorrideva ai presenti, che spesso ricambiavano freddamente, di rado applaudivano. In realtà i vicini erano stufi delle minzioni pubbliche di Gimmi e proposero la sua eliminazione. Gimmi era un pacifista, quando lo eliminarono non oppose resistenza. La vicenda di Gimmi dimostra, semmai ce ne fosse bisogno, che minzioni pubbliche in bottiglia e pacifismo sono una combinazione letale.

Contrassegnato da tag

Scimmie

Una volta uno straniero arrivò in un villaggio e annunciò agli abitanti che avrebbe comprato scimmie per 10$ l’una.

Siccome i boschi erano pieni di scimmie, gli uomini del villaggio iniziarono a catturarle senza troppi problemi. Ne vendettero migliaia allo straniero, prendendo 10$ per ciascuna, fino a quando le scimmie non iniziarono a scarseggiare e smisero di cercarle.

L’uomo allora annunciò che avrebbe pagato 20$ per ciascuna delle scimmie, offerta che fece riprendere la caccia.

Senonché la materia prima inizio di nuovo a scarseggiare e gli uomini del villaggio smisero di nuovo. A quel punto l’offerta aumentò a 25$ e la caccia continuò fino a quando non fu praticamente più possibile trovare scimmie in libertà.

L’offerta quindi arrivò a 50$ e l’uomo disse anche che avrebbe dovuto assentarsi per un po’ per affari, ma il suo assistente avrebbe continuato ad acquistare scimmie al suo posto.

Siccome non c’erano praticamente più scimmie, l’assistente propose un affare agli abitanti del villaggio: “Ci sono gabbie piene di migliaia di scimmie, io ve le vendo a 35$ così non appena il mio capo torna gliele potrete vendere a 50$”. Non c’è bisogno di dire che le scimmie andarono a ruba: tutti gli abitanti diedero fondo ai loro risparmi e comprarono l’intero stock di scimmie.

Dopo questo lo straniero ed il suo assistente sparirono e il villaggio rimase pieno di inutili scimmie.

Ecco, ora caro lettore, finalmente hai capito come funziona la borsa.

Traduzione italiana presa qui, versione inglese qui, originale ignoto.

Contrassegnato da tag

Scenario elettorale Camera/2

Scenario elettorale 2Rispetto al primo scenario nessun cambiamento radicale. Berlusconi sempre avanti di circa tre punti rispetto a Veltroni, solo aggiustamenti collaterali.

I Socialisti perdono oltre mezzo punto, del resto non si può offrire una candidatura a Mastella e pretendere che la cosa non abbia conseguenze.

L’Unione di Centro guadagna qualcosa grazie all’abbandono di Mastella e alla candidatura di De Mita, che pare tenga al guinzaglio qualche migliaio di elettori.

Il maggior guadagno è per “gli Altri”, Ben ha dato prova di possedere notevole capacità di comando e nonostante sia molto probabilmente l’Anticristo, raccoglie consensi soprattutto in Molise. Inoltre nello scenario precedente non avevo considerato Willer Bordon e la sua Unione Democratica dei Consumatori (un’altra UDC?) che secondo Mannheimer sta rimontando alla grande.

Contrassegnato da tag

#1

“Era trascorso qualche tempo e, seduto sul balcone a mangiare il cane, il dottor Robert Laing rifletteva sui singolari avvenimenti verificatesi in quell’immenso condominio, nei tre mesi precedenti. Ora che tutto che era tornato alla normalità, si rendeva conto con sorpresa che non c’era stato un inizio evidente…”(p.5)

“Sul pianerottolo del settimo Wilder si fermò e urinò sui gradini. In un certo modo fu sorpreso dalla vista dell’urina che gli scorreva fra i piedi. E, comunque, quella non era che la più lieve delle manifestazioni di rozzezza. Durante le risse e le battaglie notturne si rendeva conto di provare uno specifico piacere, senza alcun senso di colpa, nell’urinare dove gli pareva e nel defecare negli appartamenti abbandonati, senza curarsi dei rischi sanitari a cui esponeva se stesso e la sua famiglia. La notte precedente si era divertito a spintonare una donna che aveva protestato perché le aveva urinato sul pavimento del bagno.” (p.154)

“La vista dei pavimenti scopati di fresco e delle tende accuratamente tirate turbò Wilder. Gettò i cassetti sul pavimento, tolse i materassi dai letti e urinò nella vasca da bagno. La sua figura corpulenta, con i pantaloni aperti ad esibire i grossi genitali, lo fissava dagli specchi della camera da letto. Stava per spaccare il vetro, ma la vista del suo pene, un bastone bianco sospeso nel buio, lo calmò. Gli sarebbe piaciuto adornarlo in qualche modo, magari con un nastro per capelli legato a fiocco floreale.” (p.163)

“Laing attendeva che Alice tornasse a uno stato di semicoscienza. Badare alla sorella cominciava a richiedergli più energie di quelle che poteva mettere in campo. Se stava morendo non c’era molto che potesse fare per lei, a parte darle un estremo grammo di morfina e nascondere il corpo per impedire a Steele di mutilarlo. Uno dei passatempi preferiti del dentista era, infatti, vestire e acconciare i cadaveri per sistemarli in grotteschi tableau.” (p.191)

Il condominio, J.G.Ballard, 1975

Contrassegnato da tag

Indicazioni di voto/1

Nel caso ci fosse qualche elettore intenzionato ad annullare le schede il 13/14 aprile e fosse in difetto di ispirazione, segnalo l’opzione Jackie Treehorn/Ben Gazzara. Non molto originale per la verità, ma sempre significativa.

Contrassegnato da tag ,

Scenario elettorale Camera/1

Scenario elettorale 1La tabella a sinistra mostra uno scenario della distribuzione dei voti per la Camera dei deputati alle prossime elezioni. Comprende solo le circoscrizioni che determinano il premio di maggioranza, dunque sono esclusi l’estero e la Valle d’Aosta.

Lo scenario è basato sui risultati di alcuni sondaggi, sull’analisi delle passate elezioni e soprattutto su assunzioni arbitrarie.

Assumo che il numero delle schede valide sia intorno a 36,8 milioni a fronte di 38,1 milioni nelle politiche 2006. La diminuzione da addebitare alla minore polarizzazione della proposta politica, allo scazzo crescente dell’elettorato (Casta, Grillo, legge elettorale burlona, etc.) e alla probabile mancanza dello scontro televisivo tra i due maggiori candidati.

La seconda assunzione è che i due blocchi (CD e CS), solo virtuali in questa tornata, siano sostanzialmente impermeabili. Sommando le percentuali di Sinistra Arcobaleno, Socialisti, PD e IdV si otterrebbe 49%, la somma di UDC-Rosa Bianca, PdL, Lega Nord-MpA e La Destra darebbe un valore solo leggermente superiore, 49,7%. Entrambi molto simili a quelli ottenuti nelle elezioni 2006.

Lo scenario è più generoso nei confronti del PD di quanto non siano gli attuali sondaggi; credo che Veltroni in virtù delle sue capacità comunicative riuscirà a portare a votare tutti quelli che nel 2006 votarono Ulivo e a rosicchiare qualche voto a RC, PdCI e Verdi che allora ottennero un risultato eccellente.

Il PdL dovrebbe essere il primo partito, ma di poco; ho assunto che otterrà una quantità di voti leggermente inferiore alla somma di quelli presi da FI e AN nel 2006. Parte di quei voti dovrebbero andare a La Destra. Un piccolo guadagno verrebbe da voti che nel 2006 andarono all’UDC che allora poté godere del ruolo istituzionale di Casini e della impopolarità del governo Berlusconi. Secondo lo scenario il contributo della Lega Nord risulterebbe decisivo per guadagnare il premio di maggioranza.

Man mano che ci avvicineremo al 13 aprile aggiornerò lo scenario più volte, in particolare attendo che siano presentate liste, simboli e alleanze.

Puntate successive: 2 e 3.

Contrassegnato da tag

Germania vs Grecia

Contrassegnato da tag