Mingere è un po’ come morire

Gimmi non si era mai posto il problema se fosse giusto orinare in bottiglie di plastica mentre attendeva l’ascensore in compagnia dei vicini di casa. Coltivava questo hobby da parecchi anni, lo appagava ed era soddisfatto dei risultati raggiunti. Nella sua ingenuità credeva di fare del bene alla gente. Si sbagliava. In genere mentre orinava sorrideva ai presenti, che spesso ricambiavano freddamente, di rado applaudivano. In realtà i vicini erano stufi delle minzioni pubbliche di Gimmi e proposero la sua eliminazione. Gimmi era un pacifista, quando lo eliminarono non oppose resistenza. La vicenda di Gimmi dimostra, semmai ce ne fosse bisogno, che minzioni pubbliche in bottiglia e pacifismo sono una combinazione letale.

Annunci
Contrassegnato da tag

One thought on “Mingere è un po’ come morire

  1. thefamilyandthefishingnet ha detto:

    ma gimmi! te lo avevano anche affisso nella bacheca condominiale, di non usare le bottigliette da 33. che diamine. cribbio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: